Marco Detto & Antonello Monni Jazz Duo

Detto Monni « Torna agli Eventi
Questo evento è passato.
Evento:
Marco Detto & Antonello Monni Jazz Duo
Data:
26 settembre 2015 21:30
Categoria:
,
Organizzatore:
swing bar
Telefono:
0438 1736411 / 339 6339744
info@swingbar.it
Aggiornato:
14 settembre 2015
Luogo:
swing bar
Telefono:
0438 1736411 - 339 6339744
Indirizzo:
Google Map
via Lamarmora 2, conegliano, 31015, Italia
Detto Monni

Siamo particolarmente felici di iniziare questa stagione di Jazz con due musicisti che suonarono da noi esattamente 11 anni fa’.Musicisti di qualità assoluta,  Antonello Monni sax e Marco Detto pianoforte daranno vita ad un concerto Jazz duo sicuramente ricco di emozioni. Buon Swing a tutti.

Biografie:

Antonello Monni

Saxofoni, clarinetto, clarinetto  basso, composizione, arrangiamenti

 

  • Nato nel 1965, ha dimostrato fin da piccolo la sua grande passione per la
  • musica; Inizia a studiare il saxofono alto all’atà di 13 anni, sotto la guida di
  • un maestro di banda di Massa, città dove e’ cresciuto. Nel 1985 scopre la
  • sua passione per la musica jazz, e parallelamente, inizia lo studio del
  • clarinetto in conservatorio, presso l’Istituto Pareggiato Musicale ” P.
  • Mascagni” sotto la guida del noto M° Mario Del Zoppo, uno dei più grandi,
  • nella didattica dello strumento. Nel 1986 partecipa al suo primo seminario
  • a Pistoia tenuto dai docenti di ” Siena Jazz”; studia saxofono con Claudio
  • Fasoli, e musica d’insieme con Bruno Tommaso. Nel 1987 partecipa alle
  • clinics tenute a Perugia dai docenti del prestigioso “Berklee School” di
  • Boston, sotto la guida di Gregory Badolato e Bill Pierce. Nel 1991 consegue
  • il diploma in clarinetto, e matura la decisione di non proseguirne la
  • specializzazione, per dedicarsi quasi esclusivamente al saxofono, suo
  • strumento originale. Nello stesso anno partecipa ad alcune clinics a Lione
  • presso l’ AIMRA, tenute da M. Stanchev, J.L.Almosino; J. Helmus. Nel
  • 1992 si trasferisce a Milano, si perfeziona con Tino Tracanna presso il CPM,
  • diplomandosi col massimo dei voti nel 1994. Nello stesso anno conosce
  • Demo Morselli, che lo invita a far parte della nascente “Demo Morselli Big
  • Band”col quale in cide il CD ” Swing O” collaborando fino al 1995; inizia
  • dunque una serie di collaborazioni in ambito pop (fino al 2001) anche con:
  • Daniele Silvestri,(registrando il suo promo CD omonimo, 1993; come
  • saxofonista) Fausto Leali, Aida Cooper, Ronnie Jones, Sergio Caputo,
  • Annalisa Minetti, Bernardo Lanzetti, (registrando iil CD ” Mastr Poet”
  • 1999; come saxofonista) Linda Wensley, Memo Remigi, (col quale registra
  • “Canzoni di Sempre” 2001 come saxofonista, clarinettista) Alex Baroni,
  • Fabio Concato. Dal 1995 al 2001 fa parte di diverse orchestre televisive
  • per le reti RAI e Mediaset, suonando sotto la direzione di: Vince Tempera,
  • Sante Palumbo, Beppe Vessicchio, Pippo Caruso, Valeriano Chiaravalle,
  • Luca Orioli, Maurizio Fabrizio, Ettore Righello. Nel 1996 inizia la
  • collaborazione col celebre pianista Marco Detto, col quale suona in diversi
  • contesti, formando un sodalizio fino ad oggi. Nel 1999, si dedica anche
  • all’arrangiamento, fondando, insieme ad alcuni musicisti tra cui Sandro
  • Dandria ed il celebre tastierista Aldo Banfi la “Simply The Band”, piccola
  • orchestra che ben presto verrà apprezzata durante i concerti, soprattutto
  • per gli arrangiamenti originali firmati da A. Monni e da S. Dandria.
  • Nel 2002 consegue il diploma in jazz, col massimo dei voti, sotto la guida
  • del M° Mauro Grossi, (quartetto di M. Giammarco ed arrangiatore dell’ ONJ)
  • presso l’Istituto Pareggiato Musicale ” P. Mascagni”
  • Nello stesso anno esce il primo CD a suo nome ” Friends” per l’etichetta
  • Music Center, che lo vede protagonista anche come compositore ed
  • arrangiatore, che vede coinvolti alcuni tra i più importanti nomi della scena
  • musicale italiana, oltre a Detto e Grossi, il contrabassista Attilio Zanchi,
  • ed il trombettista Emilio Soana; effettuando numerosi concerti, ed in
  • occasione del suo tour in Inghilterra, viene segnalato dalla critica e dalla
  • stampa, tra i migliori eventi 2003. Nel 2005 viene chiamato a far parte
  • dell’ensambles di saxofoni ” The Sax Four Fires”, insieme a Palo Favini,
  • Claudio Tripoli, Francesco Esposito, registrando l’album: “Tribute To Duke
  • Ellington” che prevede la partecipazione straordinaria, del celeberrimo Bob
  • Mintzer Nello stesso anno incide ” Blue Stones” di M. Detto, che lo coinvolge
  • anche in qualità di arrangiatore; e ” Silence” autoprodotto da L. Bianchi che
  • contiene brani di musica leggera ri arrangiati in chiave jazz. Nel 2006
  • inizia una collaborazione col pianista Davide Scagno, suonando in diversi
  • festivals; il duo ha un repertorio di brani originali, contenuti nel il CD
  • “About Us” 2008 (Dodicilune), ottenendo pieno consenso dalla critica. Nello
  • stesso anno svolge alcuni concerti in Inghilterra insieme al chitarrista Carl
  • Orr (Billy Cobham) Nel 2008 viene invitato da Fabrizio Campanelli, autore
  • della colonna sonora del film ” Solo Un Padre” regia di L. Lucini, ad
  • interpretare il brano “Fundamental Swing” Nello stesso anno incide ” Blue Of
  • Mine” di Felice Clemente, come ospite, insieme a Tino Tracanna; ed il CD “
  • Motivi Erranti” per il gruppo Dadaikò. Nel 2009 incide ” In The Mean Time”
  • di M. Detto, oltre che saxofonista e clarinettista, in qualità di arrangiatore
  • e direttore. Nello stesso anno forma un’ altro duo col pianista Roberto
  • Cipelli, suonando brani originali tratti da album precedenti, ed adattati al
  • duo.
  • Altre collaborazioni live con: Jerry Bergonzi, Tino Tracanna, Attilio Zanchi,
  • Marco Bianchi, Marco Castiglioni, Stefano Cerri, Emilio Soana Giulio
  • Visibelli, Tony Arco, Bruno Tommaso, Roger Rota, Roberto Martinelli, Luigi
  • Gungui, Luciano Zadro, Giovanni Falzone, Andrea Tofanelli, Massimo
  • Colombo, Marc Aderson, David Mowat, Andy Hague, Carlo Morena, Alberto
  • Mandarini, Mauro Beggio, Kyle Gregory, Ferdinando Farao’, Tito Mangialajo,
  • Fabrizio Bernasconi, Luca Calabrese, Marco Brioschi, Giorgio Di Tullio, Mario
  • Piacentini, Marco Contardi, Sergio Orlandi, Stefano Profeta, Antonio Fusco,
  • Ruggero Pazzaglia, Davide Ghidoni, Paolo Russo, Beppe Caruso, Giuseppe
  • Emanuele, Gilberto Tarocco, Alessandro Castelli, Carlo Napolitano, Marco
  • Mistrangelo, Francesco Piccinno, Riccardo Arrighini, Massimo
  • Cavalli. Attività didattica: attualmente e’ docente di saxofono jazz presso
  • la “Civica Scuola di Musica” di Cinisello Balsamo (MI), e la ” Fondazione
  • L.Piseri” di Brugherio (Mi), nonché docente di storia della musica,e
  • laboratorio d’orchestra jazz, presso la stessa. Ha inoltre svolto l’attività
  • d’insegnante (dal 1993 al 2008) presso: CPM di Milano, Associazione
  • “Sbaraglio” di Vimercate, Accademia di Musica italiana di Monza, Società
  • dell’accademia di Voghera (PV), MAS di Milano, Accademia “F. Gaffurio” di
  • Lodi, Liceo “Licos” di Pavia, “Alma Studios” di Bristol (UK), Scuola Civica di
  • Trezzano sul Naviglio (MI)

MARCO DETTO

  • Nasce a Milano nel 1962. Studia violoncello ed in seguito si dedica da
  • autodidatta allo studio del pianoforte. Esordisce professionalmente nel 1982
  • collaborando come sideman in diverse formazioni jazzistiche. Nel 1987 da
  • vita alla prima formazione jazzistica a suo nome privilegiando il trio, e si
  • esibisce in numerosi jazz club in Italia ed in Europa. Nel 1992 incide il suo
  • primo lavoro di standards “Falling in jazz whit love” con Marco Ricci e
  • Giorgio Di Tullio e con la medesima formazione nello stesso anno incide un
  • lavoro di brani originali “I sogni di Dick”.
  • Nel 1994 ha un’importante collaborazione con Palle Danielsson e Peter
  • Erskine con i quali incide “La danza dei ricordi”. Nel 1998 incide con Marco
  • Ricci e Stefano Bagnoli “Altrove”, un lavoro di composizioni originali. Con
  • la stessa formazione, nel 1999 incide “In the air”. Nel 2000 viene chiamato
  • personalmente da Eddie Gomez a suonare nel suo gruppo con Lenny White e
  • Jeremy Steig, sostituendo McCoy Tyner e Chick Corea nel “IV Festival
  • Internazionale di Musica Classica e Jazz sull’Isola d’Elba”; da questo felice
  • incontro nasce nel 2001 il cd “What a wonderful world” registrato a New
  • York con Eddie Gomez e Lenny White e a cui farà seguito un tour in Italia.
  • Nel 2003 incide “Django” con Massimo Manzi alla batteria e Marco Ricci al
  • contrabasso; ottimamente recensito in Giappone dalla rivista jazz “Sunny
  • Side”, rimane nella classifica da loro redatta per 2 mesi al secondo posto. Nel
  • 2004 incide “Da Lontano” sempre con Massimo Manzi e Marco Ricci, un
  • lavoro di composizioni originali, molto apprezzato e ottimamente recensito.
  • Nel 2005 l’etichetta giapponese Sound Hills ristampa “What a Wonderful
  • World”. Nel 2006 incide “BlueStones” (tutte composizioni originali), con
  • Mauro Beggio, Stefano Profeta, Kyle Gregory, Antonello Monni e Guido
  • Bombardieri. “Lasciarsi andare”, un brano di questo lavoro ha ricevuto
  • “l’Honorable Mention” nella categoria jazz all’International Songwriting
  • Competition 2006(ISC). Nel 2006 incide anche un lavoro di piano solo
  • “Ripples”.
  • E’ ospite in diverse trasmissioni radiofoniche su Rai Radio Tre. Ha curato gli
  • arrangiamenti musicali degli spettacoli teatrali dell’ associazione culturale “
  • NOEHMA Servi di Scena” diretta dalla prof. Teresa Pomodoro nel carcere di
  • Opera e di San Vittore, nel Teatro Strelher e presso l’ Università “La Statale”
  • di Milano. Parallelamente all’attività che lo vede impegnato come leader, ha
  • collaborato con lo storico chitarrista Franco Cerri, con il quale ha inciso “Ieri
  • e oggi”; con la cantante Lorena Fontana con la quale ha inciso “Guccini in
  • jazz”; nel quintetto del sassofonista Antonello Monni con il quale incide
  • “Friends”, con la cantante Sabrina Sparti, con la quale ha inciso “The Angel’s
  • Whisper and Shout”. con la cantante Beatrice Zanolini con la quale ha inciso
  • “On the Fly”. Nel 2010 finalista con il brano “Correndo Lontano “ tratto dal
  • suo ultimo lavoro “In the meantime” nella categoria jazz all’International
  • Songwriting Competition 2010 (ISC)
  • Oltre alla promozione del suo ultimo lavoro “In The MeanTime”, attualmente
  • ha in attivo diversi progetti: con il gruppo WhiteBlack, ( B.Zanolini voce,
  • M.Detto piano, M.Ricci bass, A.Fusco drums, G.Visibelli sax) formazione
  • che nasce dall’unione musicale e dall’amicizia di talenti artistici con percorsi
  • diversi; con il duo “HD” duo (M.Detto piano, G.Hoffer corno); con il duo
  • M.Detto piano & M.Bianchi vibraphone; con S.Spartivoice & M.Detto piano;
  • e con Mitteleuropa Ensemble Chamber Quartet.
  • Da sempre affianca l’attività concertistica con l’attività didattica.
  • Collaborazioni internazionali:
  • Eddie Gomez, Lenny White, Peter Erskine,Palle Danielsson, Jeremy Staig,
  • Bob Mover, Antony Moreno, Michel Portal, Paula West, Julius Farmer.
  • Ha suonato con:
  • A. Angiolillo, E. Bacchia, S. Bagnoli, M. Barbieri, G. Basso,M. Beggio, L.
  • Begonia, M. Bianchi, R. Bianchi, G. Bombardieri, A. Borsari, F. Bosso,
  • S.Borzachiello, M. Bozza, T. Bradascio, P. Brioschi, L. Campioni, G.
  • Capiozzo, M. Carletti, M. Castiglioni, F. Cerri, G. Cifarelli, E. Cisi, S.
  • Colnaghi, P. Conte, G. Coscia, P. Dalla Porta, S. D’Allora, P. Danielsson, M.
  • De Aloe, B. De Filippi, E. Dettole, G. Di Tullio, P. Erskine, J. Farmer, L.
  • Fedele, D. Oliveira Ferraz, R. Fioravanti, L. Fontana, M. Furian, A.Fusco, R.
  • Gambarini, E. Gomez, K. Gregory, A. Guareschi, G. Hoffer, P. Leveratto, E.
  • Lo Greco, G. Lo Greco, R. Lopez, A. Mandarini, T. Mangialaio, M. Manzi,
  • C. Mayer, M. Micheli, R. Migliardi, L.Minetti, D. Minotti, D. Moccia, A.
  • Monni, A. Moreno, M. Morriconi, B. Mover, S. Orlandi, P. Pelegatti, R.
  • Piccolo, M. Pintori, M. Portal, G. Prina, S. Profeta, M. Ricci, T. Ricci, M.
  • Rosen, S. Sparti, R. Sironi, E. Soana, J. Staig, V. Stefanini, L. Terzano, P.
  • Tomelleri, F. Vallega, P. West,L. White, M. Vaggi, I. Valentini, G. Visibelli,
  • L. Zadro, A. Zanchi, B. Zanolini ed altri.