Mantua Jazz Trio

I MJT in concerto Allo Swing Bar di Conegliano il 19-01-2012 « Torna agli Eventi
Questo evento è passato.
Evento:
Mantua Jazz Trio
Data:
19 gennaio 2013 20:00
Categoria:
,
Organizzatore:
Swing Bar
Telefono:
3396339744
Aggiornato:
6 gennaio 2013
Luogo:
Swing Bar
Telefono:
3396339744
Indirizzo:
Google Map
Via Lamarmora 2, Conegliano, Treviso, 31015, Italia
I MJT in concerto Allo Swing Bar di Conegliano il 19-01-2012

Mantua Jazz Trio
Costituitosi a Mantova nel 2000, il Mantua Jazz Trio è formato da Stefano Caniato al pianoforte, Marco Cocconi al basso elettrico e Riccardo Biancoli alla batteria.
Da subito il gruppo sviluppa uno stile fluido e personale, ispirato alla tradizionale formula del piano trio, contaminata da varie influenze e stili moderni.
Il repertorio include standards riarrangiati alternati a brani originali, incisi nei CD “Alessia’s Blues” (Splasch Records 2001) e “Wonder Why” (DDQ – 2003), che hanno raccolto ottimi consensi di critica.
Nell’autunno del 2004 il trio ha effettuato anche un tour in Texas, con ospite il saxofonista Paul White di Austin, con il quale nell’estate 2005 ha inciso il CD “My Wish” (Music Center BA 109 CD).
In questa occasione, il trio proporrà in prevalenza materiale inedito, che verrà incluso nel quarto CD di imminente produzione.

Stefano Caniato (Pianoforte)
Nato a Milano nel 1961, ha iniziato a suonare il piano a 8 anni come dilettante in varie formazioni di Blues, Swing e Dixieland, dedicandosi dall’età di 18 anni interamente alla musica. Nel 1987 ottiene il diploma di “Direzione di coro Musica Rinascimentale” ed alcuni anni dopo un altro diploma in “Arrangiamento e Composizione Jazz”. Durante la propria carriera, grazie ad una attitudine “camaleontica”, ha suonato in svariate situazioni, dallo “Swing” al “Free jazz”, collaborando con ottimi musicisti quali Kyle Gregory, Clark Terry, Bob Wilber, Dave Glasser, Mauro Negri, Alan Farrington, Guido Bombardieri, Bob Bonisolo, Stefano Benini, Riccardo Fioravanti, Stefano Bagnoli, Diego Borotti, Luca Begonia, Claudio Capurro.
Come pianista appare nei CD “Alessia’s Blues” (Splasc(h) Records), “Henry’s Tune” (Map), “Basket 11–5–99″ (Dfv con Dave Glasser), “Child Dreams” (Map con Dario Cellamaro), “Miss New Orleans” (Azzurra con Alan Farrington), “Songs and Rags” (G&V), “Letture” (G&V), “Viaggio in Blue”, “Sulla riva del fiume” (Gme), mentre in molte altre registrazioni si trova “backstage” come arrangiatore.

Marco Cocconi (Basso Elettrico)
Nato a Mantova nel 1961, dopo iniziali esperienze come sideman in produzioni pop/rock, focalizza il proprio interesse per il jazz, collaborando con musicisti quali Mauro Negri, Simone Guiducci, Roberto Soggetti, Kyle Gregory, Bob Bonisolo, Alan Farrington, Sandro Gibellini, Alfred Kramer, Walter Paoli, Christian Meyer, Paolo Birro, Valerio Abeni, Ellade Bandini, Francesco Bearzatti, Bruno Marini, Guido Bombardieri, Bebo Ferra, Enrico Rava, Garrison Fewell, Mauro Beggio, Marco Tamburini, Silvia Donati, David Boato, Andrea Pozza, Gianluigi Trovesi e molti altri.
Nel 2000 ha pubblicato “Chiaroscuri” (Splasc(h) Records), primo album come leader.
Appare anche in “Patarau” di M. Negri (1989, Splasc(h) Records), “Scale Mobili” dei Pentagono (1998, Pentaflower/RAI Trade), “Voce me fala assim” degli Xangò (2002, SG), “Alan Farrington Daily Blues” (2002, Azzurra).
E’ anche bassista della Scraps Orchestra, prestigiosa formazione della canzone d’autore, ospite del Premio Tenco 2000 e con la quale ha inciso i CD “Il diavolo di Mezzogiorno” e “Nero di Seppia”.

Riccardo Biancoli (Batteria)
Nato a Mantova nel 1960, inizia la sua carriera giovanissimo in gruppi rock–progressive, dedicandosi prestissimo quasi esclusivamente al jazz. Ha suonato e registrato con musicisti quali Lew Soloff, Yves Robert, Marc Abrams, Ruud Brink, John Mosca, Bosko Petrovich, Joe Krancker, Pietro e Marcello Tonolo, Sandro Gibellini, Franco Cerri, Ares Tavolazzi, Roberto Soggetti, Franco Testa, Carlo Atti, Piero Odorici, Enrico Rava, Bruno De Filippi, Romano Mussolini, Enrico Intra, Guido Manusardi.
Sensibile e bilanciato, è molto richiesto sia come batterista che come percussionista e partecipa a progetti multimediali e teatrali.

[socialring]