birre

 Le nostre birre

Lo Swing Bar offre una vasta scelta di birre artigianali non pastorizzate, prodotte con tecniche tradizionali dal famoso Birrificio Italiano.

Il birrificio Italiano produce birre tradizionali di altissima qualità

Amber Shock – L’imprevedibile

birrificio-italiano-amber-shock-artigianale-ambrata-doppio-malto-2

Ricca e complessa sprigiona un bouquet di agrumi e frutta esotica, caramello, nocciole, frutta sotto spirito e note di tostato. Corposa e densa, è una birra per momenti speciali. Birra ambrato/scura doppio malto, 7% vol.

Bibock – La prepotenza Bock

 birrificio-italiano-bibock-artigianale-non-pastorizzata-2-conegliano

Naso fresco e profumato di frutta e luppolo erbaceo e speziato/resinoso tipicamente English. Il malto porta sentori di nocciola, caramello e miele di castagno. In bocca il dolce e il corpo ricco e pieno, lasciano spazio all’amaro e al retrogusto ancora più complesso e generoso dell’olfatto. Fresca e ricca ma al contempo pericolosamente beverina! Birra ambrata doppio malto, 6,2% vol.

 

Di volta in volta a seconda della stagione ci saranno altre birre sempre  del Birrificio Italiano.

NUOVE  BIRRE

La nuova Hell tedesca

weihenstephan

LA STORIA

La birra Weihenstephan viene prodotta sin dal 725 d.C. nell’omonimo monastero benedettino in Baviera, come testimonia un documento di quell’anno facente riferimento ad un giardino di luppolo nella zona che doveva un tributo al monastero. Inizialmente era una birra molto forte e scura, riservata ai soli frati abitanti del monastero, che la producevano. In seguito, nel 1040 d.C., l’imperatore Enrico III Nero concesse all’Abate Arnoldo la possibilità di vendere la birra fabbricata agli abitanti del vicino paese di Freising. Poco dopo i frati aromatizzarono questa già bevanda deliziosa con il luppolo (coltivato nei dintorni per il sostentamento del bestiame); fu così che nacque la più antica birreria bavarese, destinata a diventare, che vanta uno stimabile record: quello di essere il più antico birrificio ancora funzionante del mondo.
Quando il monastero e il birrificio furono laicizzati sotto Napoleone Bonaparte nel 1803, divennero possedimenti dello stato bavarese. Dal 1923, il birrificio ha assunto il nome di “Birrificio di Stato Weihenstephan” (in tedesco Bayerische Staatsbrauerei Weihenstephan), ed è gestito in collaborazione con l’Università Tecnica di Monaco sia come complesso di produzione all’avanguardia sia come centro per l’apprendimento.

#########

BIRRIFICIO ARTIGIANALE INGLESE THORNBRIDGE

AM:PM nasce per festeggiare l’anniversario della fondazione di Exposed Magazine, il più famoso e diffuso periodico di Sheeld, che da ormai dieci anni si è imposto come guida alla scoperta della cultura,del divertimento e dell’enogastronomia del proprio territorio.

Chinook, Centennial ed Ahtanum: grandi luppoli per una grandissima, immensa birra. Probabilmente la birra più premiata del Regno Unito nonostante la sua giovanissima età. Agrumata, erbacea, resinosa ed a tratti speziata. Jaipur è la quintaessenza del luppolo.

logo_THORNBRIDGE_BREWERY

Amore per la tradizione, passione per l’innovazione

Era l’inizio del 2005 quando, con la posa di una piccola sala cottura da appena 1600 litri nella tenuta inglese di Thornbridge Hall, prendeva vita la birreria destinata a rivoluzionare una volta per tutte la tradizione brassicola britannica.

Amore per la tradizione, passione per l’innovazione Thornbridge Brewery racchiude tutto questo.

Con il loro inconfondibile stile, grazie alla ricerca di nuovi luppoli, malti e tecniche produttive, il confine tra ciò che era e quello che é definitivamente abbattuto.

Oggi Thornbridge Brewery dispone di due diversi impianti di produzione, due facce opposte della stessa poliedrica medaglia thornbridge Hall: il piccolo impianto da cui tutto ebbe inizio. Completamente manuale, oggi é sperimentazione e ricerca ma allo stesso tempo fucina di capolavori grazie al tradizionale infusion mash ale system.

Thornbridge Riverside: é la ricerca della perfezione e del controllo attraverso l’innovazione e la tecnologia. Uno straordinario impianto produttivo creato sfruttando tutte le più innovative soluzioni tecnologiche che il mercato può oggi offrire.

MALEDETTA

Il punto di incontro tra cultura brassicola belga e quella anglosassone. La luppolatura decisa di scuola inglese si sposa alla perfezione con le note fruttate e floreali di grande fascino, intensità e  complessità sviluppate dalla selezione di lieviti. La maledetta è infatti una birra che sperimenta una particolare miscela di lieviti ottenuta dall’interazione di tradizionali lieviti da birra con quelli selvatici “cacciati” nelle montagne intorno al birrificio, isolati ed “addomesticati” per creare un nuovo ceppo specifico del territorio. In bocca, dopo l’ingresso mielato, arriva il caramello che evolve nell’agrumato e va a fondersi con una piacevole nota amara e speziata. Birra del Borgo dedica questa birra al sigaro Modigliani e al club Maledetto Toscano.

STILE
Belgian Ale
COLORE
ambrato
GRADI
6,2%

Birra del Borgo

Borgorose, il piccolo paese che ha visto nel 2005 la nascita del primo birrificio di Birra del Borgo, quello di Colle Rosso, si trova nell’alta Valle del Salto, in provincia di Rieti, al confine tra Lazio ed Abruzzo. Da Borgorose si accede alla Riserva Naturale dei Monti della Duchessa, una delle zone montuose più selvagge e spettacolari del Lazio, con le fitte foreste di faggio che rivestono le pendici dei monti, le bellissime fioriture primaverili che colorano le verdi praterie in quota e il colore cristallino delle acque di lago. Il legame con la bellezza e i prodotti del territorio è sempre stata una costante nella produzione di Birra di Borgo.